Storia

 

Da quando ero ragazzino e vivevo nella mia città, Venezia, ebbi l’occasione di scoprire il Boxer; era un cane di un ristoratore della zona di Rialto che l’aveva acquistato per suo figlio, un mio amico, dal noto allevamento dei “dogi di venezia”.

Erano gli anni ’50 e di Boxer non se ne vedevano molti e così imparai a conoscere soprattutto il carattere di quel cane rossiccio con muso schiacciato e nero, che era sempre in mezzo a noi ragazzi per giocare e sembrava disposto a tutto pur di farci divertire.

Infatti passavamo intere giornate a lanciare pezzi di legno in mezzo al “Canal Grande” col piacere di veder “ARI” lanciarsi in acqua per recuperarli.

Sentivo parlare di esposizioni, ma francamente le uniche cose che mi interessavano, di quella razza, erano la costruzione compatta, quel tipo di testa e quel carattere gioioso e fiero.

Arrivò il giorno del mio matrimonio, ed assieme a mia moglie decidiamo di prendere un cane e quasi per caso entrai in possesso di una “boxerina”. ARABELLA.

Da quel giorno, la mia vita cambiò e in casa non c’erano discorsi in cui non entrassero i Boxer.

Ormai la “boxermania” era entrata in me e in mia moglie, tanto da ricercare qualche soggetto più importante. Nel ’79 acquistiamo “Heiko della galassia”  che portammo al titolo italiano e selezione a vita;  provammo ad avere una cucciolata accoppiando ARABELLA, la nostra femmina, al padre di Heiko, il campione PEER V. ELSAVATAL e i risultati furono incoraggianti.

Più avanti dopo essere entrati in possesso dell’affisso “DEI GLORIANNI” (Gloria e Gianni), nasceva la Camp.ssa LARA DEI GLORIANNI, prima femmina che si imporrà nei ring italiani ed esteri.

Da questo importante soggetto accoppiato con HEIKO, il risultato fu il Leader dell’allevamento, “ULLY DEI GLORIANNI”:  boxer di grande tipo, classe, eleganza che conquistò il primo campionato europeo F.C.I. della storia dell’ ENCI spareggiando e superando in finale il campione de mondo “FLY DI VITMARTER”.

Altri titoli che Ully conquistò furono:

Camp. Italiano, camp. Di club, camp. Internazionale, camp. dell’anno, secondo ai campionati mondiali a Brno, in Cecoslovacchia.

Più o meno nello stesso periodo altri Soggetti si affermarono sui ring: SARAH DEI GLORIANNI, sorellastra di ULLY; arrivò ai titoli di campionessa dell’anno di club, italiana e vincitrice del “derby femmine fulve”.

Altro soggetto di valore e buon riproduttore fu “VIKING DEI GLORIANNI”: camp. italiano, club, camp. giovane di San Marino, vincitore derby maschi fulvi, con SCH1 selezione a vita come pure i soggetti precedenti.

Altri Boxer dell’allevamento si imposero nei ring con risultati minori ma importanti come: “NORTON” e “HANKO” vincitori del derby maschi fulvi; “FLASH”, il primo tigrato dell’allevamento, pur essendo nella classe giovani, si imponeva su soggetti adulti in esposizioni internazionali vincitori del Cacib, per il migliore di razza.

Oggi, c’è un soggetto, “ZAG DEI GLORIANNI”, che si sta affermando all’estero, essendo stato ceduto in Spagna, è già vincitore dell’importante titolo di “camp. di club” spagnolo e il campionato portoghese è in dirittura d’arrivo per altri titoli.

Ancora giovane ma con molte promesse, oggi c’è anche il maschio fulvo “INKAS DEI GLORIANNI” (Tabor v. bisbus x Isis de Asturbox), che finora, è risultato vincitore di classe e miglior soggetto giovanissimo ed è risultato vice campione austriaco. Altri giovanissimi stanno muovendo i primi passi, figli del nostro stallone TABOR V. BISBUS, di cui parleremo ancora alla rubrica riproduttori.

 

Torna alla Home Page